pompei
Booking on-line

Seleziona le date del tuo soggiorno per verificare prezzi e disponibilità in tempo reale con il nostro booking online.


Pompei – Ercolano

Nel 79 d.C le cittadine romane di Pompei ed Ercolano furono distrutte dalla furia della lava del Vesuvio, e solo nel 1738 riaffiorarono alla luce del sole, per merito degli scavi voluti dal Re Carlo di Borbone.

Una massa di lapilli infuocati e una pioggia di cenere, ricoprirono uomini, case e templi sotto uno strato di 4-5 metri, conservando fino ai giorni nostri una perfetta testimonianza della vita romana di oltre 2000 anni fa.

Durante l’escursione a Pompei, si possono ammirare l’Anfiteatro e Via dell’Abbondanza, una delle strade più famose dell’antica città romana.

Suggestive sono le rovine di case e negozi artigianali, che permettono di immaginare i ritmi e le abitudini di vita del tempo e la vista dell’Orto dei Fuggitivi, in cui si possono visitare i resti di un gruppo di contadini, ancora presi a lavorare la terra.

Ercolano, diversamente da Pompei fu sommersa da fango e cenere, che penetrarono in tutte le abitazioni, trasformando tutto in uno strato duro e compatto.

Questa circostanza, ha reso possibile una conservazione ancora migliore delle rovine rispetto a Pompei, in particolare dei materiali deteriorabili come legno e papiri che sono stati ritrovati parzialmente integri all’interno di una lussuosa villa, che risulta ancora in parte coperta.

All’interno di questa abitazione, furono rinvenuti 1826 rotoli di papiro, tutti contenenti testi greci.

Sono numerose le ville, che si possono visitare nel sito archeologico di Ercolano, surreale, il ritrovamento di una barca con il suo nocchiere e anima tra cui anche un cavallo.